Jump to content

Giorgio M.

Members
  • Posts

    3,479
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

Everything posted by Giorgio M.

  1. Buongiorno Alessandra, sono nel database, non nel codice. La maniera più semplice per risolvere il problema e cancellare il corriere e farne uno completamente nuovo. Il risultato è lo stesso
  2. Nel codice ci sono tutti i dati, la forza di uno shop chiaramente dipende anche da questo e PrestaShop è ottimizzato in tal senso. Ripassa tutti i tpl, quelli dei list e dei prodotti e nel caso affidati ad un bravo programmatore.
  3. PrestaShop è una piattaforma costantemente aggiornata e obiettivamente molto sicura. Se il server è stato bucato e da altri account sono potuti arrivare sino al tuo spazio web... beh valuta innanzitutto una migrazione urgente. Per il resto puoi caricare l'intero db su una nuova installazione della stessa versione. Ti mancheranno chiaramente le immagini e le eventuali personalizzazioni fatte sul codice, ma con un po' di lavoro potrai ripristinare tutto. NON importare le tabelle relative ai moduli aggiuntivi oppure al tema.
  4. Non era necessario eliminarlo, bastava re-importare ed avrebbe sovrascritto le traduzioni esistenti.
  5. Con tanta pazienza dovrai tradurlo, ma sinceramente anche i temi tradotti hanno sempre immancabilmente di una bella "ripassata". L'italiano è una lingua estremamente complessa e se non conosci la lingua è obiettivamente difficile inserire traduzioni corrette. Questo vale ovviamente anche per altre lingue, soprattutto latine, che sono tutt'altro che semplici.
  6. Il reimposta del modulo non fa scomparire le lingue. Probabilmente non vedi il modulo perchè non è più ancorato nel corretto hook. Per verificare se le lingue ci sono è sufficiente che controlli l'url, se compare /it le lingue ci sono.
  7. Di deault non sono impostate aliquote IVA sul Regno Unito, devi andare nella tabella ed aggiungere anche questa nazione.
  8. Parlando di commercio di tipo b2c credo che diventerà conveniente per tutti (fatta esclusione di particolari categorie di prodotto) procedere alla vendita con emissione di ricevuta fiscale e successiva registrazione del corrispettivo giornaliero. La normativa fiscale lo prevede, ma è un'opzione troppo spesso ignorata dai commercialisti e poco sfruttata dai merchand. Con l'emissione della ricevuta si vanno ovviamente evitare parecchie complicazioni. I problemi sorgono quando un utente b2c richiede la fattura (è una facoltà prevista dalla normativa) e naturalmente nel b2b. Il modulo di Luigi può certamente risolverti il problema dell'acquisizione e della verifica dei dati obbligatori per l'emissione della fattura.
  9. Sulle versioni 1.7 il prezzo mostrato è sempre IVA esclusa. Per poter visualizzare il doppio prezzo valuta qualche modulo sugli Addons, ne trovi che permettono di mostrare maggiori informazioni oppure prendi in considerazione una modifica al core dello shop.
  10. Potrebbe essere anche un problema di htaccess. Vai nella sezione URL & SEO e fai "salva", in questo modo sovrascriverai l'htaccess. Pulisci anche la cache sia di PrestaShop che quella del browser.
  11. La geolocalizzazzione a livello europeo sarà vietata a partire dal mese di dicembre, non ricordo precisamente la data, ma inizio mese. Per inibire le vendite è sufficiente non abilitare nessun corriere per le altre nazioni
  12. PrestaShop include nelle versioni 1.7 un modulo gratuito che gestisce ottimamente tutte le funzioni relative alla normativa GDPR. Per le versioni precedenti il modulo ufficiale è disponibile, in vendita, sugli Addons. Ribadisco: assolve tutte le funzioni tecniche, non tutto quanto è previsto dalla normativa GDPR relativamente all'azienda intesa nella sua complessità.
  13. Temo che il problema sia di configurazione lato server, l'htacces viene auto-impostato da PrestaShop e salvo interventi specifici non c'è ragione alcuna di andarlo a modificare.
  14. Strano, la struttura della cartella immagini non varia dalla 1.6 alla 1.7 Temo che non sia andato tutto per il meglio con l'aggiornamento.
  15. Soluzione non a canone o meglio con un canone annuale molto contenuto è certamente Danea, sugli Addons trovi i moduli per l'interfaccia. Il difetto è che la sincronizzazione non è automatica, ma deve essere lanciata manualmente. C'è anche da dire che Danea è un gestionale molto valido, ma non va bene per tutte le tipologie di prodotti. Per esempio se hai varianti/attributi che sono soggette ad una variazione di prezzo Danea risulta non utilizzabile. Per quello che desideri tu sicuramente sono meglio i gestionali in cloud che sono però tutti a canone mensile. Ottimi sicuramente Gestionale Smarty e Ready Pro che sono nati proprio per PrestaShop, fra i più recenti Fatture in Cloud e Fatture24. Cercando in rete ne troverai anche altri.
  16. Se non li trovi come moduli "non installati" ma proposti in lista come "installabili" puoi cercarli direttamente sugli Addons. E' facile trovarli se ordini i moduli per prezzo.
  17. Valuterei lo sviluppo di un modulino ad hoc per risolvere il tuo problema. Mi viene comunque da pensare che forse, sfruttando la struttura dei voucher/regole carrello, sarebbe più semplice ragionare in termini di sconto quando si crea la condizione 6/12/18/24 etc. Ma è solo un pensiero, magari sbaglio e magari per te non sarebbe una soluzione accettabile
  18. Il server condiviso in se per se non è un problema, se la partizione è stata fatta con intelligenza e le risorse sono abbondanti e sufficienti per tutti. I problemi sorgono quando le risorse non sono sufficienti o non è applicato un limite alle risorse a cui un singolo sito può accedere. Risolve discretamente bene il problema per es. la Cloud Linux che permette di assegnare e, nel caso, limitare le risorse. Concordo che vista la situazione la cosa migliore che puoi fare è quella di cambiare provider/servizio, 20 sec. in apertura sono davvero improponibili.
  19. Visto il numero di articoli non ragionerei assolutamente in termini di host, inteso come passare da un condiviso ad un altro. Sarebbe il caso di valutare un server dedicato (non amo personalmente le VPS, ma è una questione di opinioni) di buon livello con dischi SSD o meglio ancora NVMe.
  20. Non è un problema del tuo sito, è qualcosa che sta succedendo a molti e la ragione andrebbe chiesta a Google. Le cause potrebbero comunque essere molte, soprattutto l'utilizzo di immagini duplicate, cioè presenti su altri siti, un po' come succede per i testi copiati.
  21. Problemi sul data base, è abbastanza frequente che succeda se utilizzi il modulo per aggiornare. La procedura corretta sarebbe quella della "migrazione" come spiegato molto bene in alcuni post che trovi all'inizio del forum. Il modulo può altresì essere estremamente comodo per aggiornare il data base che poi migrerai (tabella per tabella).
  22. Si succede, probabilmente è un problema di impostazione del server. Attiva il debug, vedi cosa ti segnala e contatta l'hosting.
  23. Non puoi modificare il dominio registrato al momento dell'ordine. Formalmente non sarebbe corretto cosa vorresti fare, ma se parliamo di una singola installazione sempre sullo stesso dominio (sottodominio nel tuo caso) è tollerabile. Tieni presente che in futuro quando sarà attiva la blockchain questa variazione non sarà materialmente possibile.
  24. Direi il modulo PayPal innanzitutto che è di default su PrestaShop e gratuito. Valuterei l'implementazione di un secondo sistema di pagamento di tipo bancario solo in un secondo tempo, con volumi consolidati. Ci sono comunque molte altre soluzioni valide per le carte di credito, alcune partner di PrestaShop come per es. l'ottimo PayPlug
  25. Ho provato ma non trovo articoli acquistabili. Prova ad attivare il debug ed a replicare l'errore per capire l'origine del problema.
×
×
  • Create New...

Important Information

Cookies ensure the smooth running of our services. Using these, you accept the use of cookies. Learn More