Jump to content

Severo64

Members
  • Content count

    358
  • Joined

  • Last visited

About Severo64

  • Rank
    PrestaShop Enthusiast
  • Birthday 02/22/1964
  1. Come fare un sito multilingua con prestashop 1.5

    Prima di farti queste domande chiedi al cliente se almeno qualcuno in azienda parla qualche lingua e se si quale. Poi fai fare la traduzione da un traduttore umano professionista altrimenti il sito si sputtana subito, ed in rete le cosa fatte fale circolano molto + rapidamente di quelle fatte bene
  2. Se vendi anche non direttamente OnLine sei un Azienda e come tale dei mettere tutte le informazioni sul sito anche se solo di presentazione. Ciao
  3. Intanto scusa per il ritardo ma non ho molto tempo per frequentare il forum. Noi emettiamo solo fattura su richiesta, semplicemente abbiamo cambiato da dicitura fa Fattura a Ricevuta, attento non fiscale dato che è solo un documento per il cliente senza nessun valore fiscale, naturalmente compiliamo il registro dei corrispettivi. Se emetti fattura con PS hanno valore fiscale a tutti gli effetti non è + necessario inviarle in cartaceo timbrate e firmate, basta anche un PDF via mail. Ciao Sèvero
  4. [OT] TANTI AUGURI A GERMANO

    No è la vecchiaia che ti frega Ciao
  5. Vendite dall'Italia all'estero.

    Purtroppo non so aiutarti, io sono in regime normale, senti il tuo consulente dato che vi sono alcune limitazione per quel regime. Ciao
  6. Vendite dall'Italia all'estero.

    Come prima cosa ti dico che per le vendite a privati in UE non è necessaria la fattura basta compilare il Libro dei Corrispettivi. Se emetti sempre fattura ti serve il CF per gli Italiani, non per gli Europei visto che non avrebbe senso per il ns. fisco, comunque serve sempre il CF anche delle aziende, è vero che spesso coincide ma questo non sempre; ad esempio per le ditte individuali corrisponde al CF dell'intestatario, per tutte le altre tipologie di aziende potrebbe essere la precedente P.IVA in caso di cambiamenti societari avvenuti nella storia dell'azienda. Indirizzo di fatturazione e P.IVA, ricordati di controllare sempre la validità della stessa ai fini INTRASTAT con i link del mio precedente MSG. Solo i dati del cliente di fatturazione e di spedizione importanti per lo spedizioniere, ma qui chiedi al corriere a cui ti appoggi per i documenti necessari. Piccola nota recentemente la normativa è cambiata verifica con il tuo consulente di essere abilitato per i rapporti Intracomunitari, in caso contrario devi fare richiesta all'Agenzia delle Entrate. Ciao
  7. Vendite dall'Italia all'estero.

    In linea di massima si esiste qualche eccezione ma è molto rara Si quegli elenchi sono ufficiali per cui a tutti i ptivati di nazioni appartenenti a quegli elenchi va applicata l'IVA, non confondere gli stati membri con quelli dell'area Euro. A nessuna vendita ExtaUE va applicata l'IVA indipendentemente che sia privato od azienda, l'IVA è una cosa solo EU nata nel lontano '73. Che siano prodotti o spedizioni la regola è sempre quella. Non mi è molto chiaro il tuo discorso, comunque se la tua spedizione non lascia il territorio UE applichi l'IVA, ci penserà l'altra azienda, se spedisce ExtraUE, a non applicare l'IVA. Ciao Sèvero
  8. Problema con provincia

    So che non è importantissimo, ma la provincia di Forlì non esiste + ora è Forlì-Cesena e l'acronimo è FC. Ciao Sèvero
  9. Potresti provare a personalizzare il modulo CASH ON DELIVERY per aggiungere il il costo dell'assicurazione. Ciao
  10. Nuovo business, sito e-commerce conto terzi

    Ti consiglio di valutare altri corrieri, il costo della spedizione non è tutto; come per qualsiasi altro fornitore dovresti valutare il rapporto Qualità/Prezzo e non mi pare che il tuo lo rispetti. Per caso è un corriere che nel logo ha una freccia gialla su sfondo blu?. Ciao Sèvero
  11. Nuovo business, sito e-commerce conto terzi

    Opss non avevo visto questo tuo post, comunque se tu hai specificato l'importo da incassare e hai pagato per il servizio il corriere è obbligato contrattualmente a farti avere i soldi. Ok parliamo di Poste Italiane, il + inaffidabile e farraginoso tra i corrieri oltretutto con le recenti modifiche con l'applicazione dell'IVA sui pacchi non so se convenga ancora. Se il pacco viene rifiutato la colpa è del cliente che non sta rispettando il contratto, dato che per poter esigere il recesso deve ritirare il pacco, il problema è farlo rispettare il contratto andresti incontro ad una serie di spese tali da non giustificare l'azione. Ciao Sèvero
  12. Nuovo business, sito e-commerce conto terzi

    [quote author="cyber" date="1294126549" ]La legge Italiana lascia molto a desiderare , sto combattendo da 3 mesi per un contrassegno non pagato ma nessuno ci tutela , mi tocca toglierlo dalla modalità di pagamento perdendo una buona fetta di mercato Di sicuro il contrassegno può creare problemi, ma scusa la domanda stai combattendo con lo spedizioniere o con il cliente? Nel primo caso mi sembra strano una lungaggine simile, nel secondo penso che non ne andrai mai capo per vari motivi. Le attuali normative mettono come foro competente quello del cliente, che oltremodo è stra protetto dal Codice del Consumo; per cui mettiti l'animo in pace e aggiungi la mitica "Tacca sul fegato" dato che spenderesti nettamente di + che non quello che perdi. Ciao Sèvero
  13. Nuovo business, sito e-commerce conto terzi

    Benvenuto Stefano, coretto il tuo intervento ma un po OT, mi spiego meglio questo dovrebbe essere un forum tecnico sullo sviluppo di una piattaforma per il commercio elettronico. Certamente hai ragione l'Ecommerce è prima di tutto un attività Imprenditoriale con tutto quello che ne consegue per cui chi vuole affacciarsi dovrebbe prima di tutto informarsi sul cos vul dire e magari avvalersi di consulenti per i vari aspetti. Se da un lato lo sviluppatore dovrebbe conoscere i requisiti minimi legali, dall'altro dovrebbe essere il consulente fiscale o legale a chiarire meglio alcune cose. Non prenderla come una critica, ma purtroppo molti tuoi colleghi non sono informati o non hanno voglia di farlo dando poi consigli errati come l'obbligo di emettere fattura o scontrino fiscale. Se vuoi puoi venire su AICEL forum + sulle questioni operative di chi fa ECommerce comprese quelle burocratiche e quelle legali. Per tornare sul tuo discorso sai quante volte mi capita di andare su siti di aziende anche molto grosse che non mettono i loro dati, e pensare che ora è obbligatorio per tutte le aziende europee di capitali, e comunque per qualsiasi ditta, anche individuale, italiana. Ciao Sèvero
  14. Nuovo business, sito e-commerce conto terzi

    In tanto buon Anno a tutti, lo so è un po che manco. Bellissima discussione ma purtroppo in Italia sul discorso Internet e tutto ciò che ne consegue siamo in dietro basti pensare che molti traducono OpenSurce come GRATIS e molti altri pensano che SI POSSA APRIE UN ECOMM CON IL RESTO DEL CAPPUCCINO COME 4 O 5 LAVORO E GUADAGNARE SUBITO DIVENTANDO IL NUOVO BEZOS. Purtroppo tutti i forum sono infestati da WebMaster,sempre che questo termine abbia avuto un vero significato, improvvisati che pretendono le risposte gratuite per poi fare il loro business; almeno facessero una ricerca prima di porre certe domande. Sapere un po di PHP e CSS non vuol dire saper implementare od adattare un pacchetto alle reali esigenze del cliente. Ciao Sèvero
  15. sito in prestashop...prezzo esagerato

    Ribadisco fare ECommmerce è un attività imprenditoriale ed il sito è il motore, ma serve ben altro attorno specialmente Marketing & C. o la cosa si fa seriamente o è inutile cominciare, lo testimoniano le statistiche Italiane dove la maggior parte dei negozi OnLine non durano + di 12/18 mesi dato che chi li apre manco si è preso la briga di fare un Business Plan per capire il reale sforzo economico necessario per imbarcarsi nell'impresa. Anche se la controparte è un imprenditore e non crede nel progetto è inutile che si faccia fare preventivi, è sbagliato pensare che un EComm si apre "Con il Resto del cappuccino" Personalmente non sono d'accordo, uno conto è lo sviluppatore un altro chi si occupa della promozione, non arrivi in testa ai motori di ricerca solo con i meta tag o spendendo tantissimo con AdWord ma utilizzando + strumenti e spesso anche al difuori del web dipende tutto dal settore merceologico e dal progetto. Dietro progetti come PrestaShop e Magento vi sono delle aziende reali che fanno Business con l'Open e non dei "Cantinari Qualsiasi" (Passami il termine), progettare un CMS di questo tipo servono varie competenze e di certo non una OneManCompany. Da quello che dici sei uno sviluppatore e giustamente vagli le varie possibilità del mercato, mentre io sono un EBottegaio e guardo altri aspetti di un pacchetto. Io sono si un piccolo imprenditore ma mi sono affidato ad uno sviluppatore esterno per l'implementazione ed ad un agenzia per il Markeing, ma questo modo di operare mi ha permesso, nel tempo, di essere sul mercato da anni con diversi ECommerce ed avere certe competenze che nessun sviluppatore può avere ma solo chi opera può sapere. Certo non sono attivo come altri su questo forum ma ho condiviso lo stesso le mie conoscenze come in altri forum dove sono anche moderatore. Comunque l'attività imprenditoriale non è un gioco od un passatempo ma duro lavoro tante ore al giorno. Si curo di poterti definire un professionista dell'ecommerce? Per me sei uno sviluppatore di siti Ecommerce, un professionista dell'Ecommerce è uno che ha una attività di vendita OnLine che non mi pare tu abbia da quello che scrivi. Non sto parlando di regalare i servizi, ma sinceramente sentire che con 1K viene fatto tutto quello personalmente mi lascia basito. A mio avviso ogni prodotto/servizio ha un suo prezzo e svenderlo di certo non ne fa un prodotto migliore. Dipende da chi lo riceve Certamente nessuno nasce imparato ma i Leonardo Da Vinci ne nascono veramente pochi e comunque se nascesse adesso la quantità di informazioni sarebbero così tante che neppure lui sarebbe un tuttologo. Ciao Sèvero
×